Arte e Sviluppo

RICERCA PROGETTI

Settore: Arte e Sviluppo In corso Paese: Bosnia- Erzegovina Stato progetto: In corso Partner: Save the Children Italia Onlus e Save the Children Schweiz

Obiettivi

Il Programma HEART, implementato con successo dal 2013 in Bosnia-Erzegovina da Save the Children North-West Balkans, è stato fondamentale nell’offrire sostegno psicosociale ai numerosi bambini affetti da stress severo o cronico dei cantoni di Tuzla, Una-Sana e Posavina. Sulla base degli ottimi risultati ottenuti, la Fase III del Programma (2017-2019), sviluppata da Save the Children Italia Onlus e Save the Children Switzerland, ha l’obiettivo di istituzionalizzare il metodo HEART in tutta la Bosnia-Erzegovina e introdurlo nei curricula scolastici nazionali.

Nello specifico, il progetto in Bosnia-Erzegovina intende:

  • Formare 150 nuovi insegnanti e educatori affinché introducano il metodo HEART nei curricula scolastici delle 47 scuole elementari del cantone di Una-Sana;
  • Selezionare due scuole elementari che fungeranno da modello e centri di formazione (HEART Friendly Schools) per la diffusione del metodo HEART;
  • Monitorare l’implementazione del Programma offrendo un continuo sostegno a 50 insegnanti già formati durante la Fase II (2016-2017);
  • Sviluppare una strategia di sostenibilità in partenariato con il Ministero dell’Istruzione Pubblica e l’Istituto Pedagogico del cantone di Una-Sana.

Beneficiari

Beneficiari diretti potenziali stimati negli anni del progetto (2017-2019)

  • 150 nuovi insegnanti e educatori delle 47 scuole elementari del cantone di Una-Sana;
  • 50 insegnati già formati nella Fase II (2016-2017);
  • 4’000 bambini di età compresa tra i 6-15 anni.

 Attività

Con il sostegno di Alta Mane, tra ottobre 2017 e febbraio 2019, Save the Children, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione Pubblica del Cantone di Una-Sana, ha selezionato due scuole elementari del Cantone (Prekounje Primary School e la Harmani II Primary School di Bihać) come HEART Friendly Schools, equipaggiate di tutto il materiale necessario per diventare Hub territoriali per la diffusione del metodo HEART e per offrire, a loro volta, delle attività di peer-to-peer monitoring a tutti gli insegnanti interessati ad utilizzare quotidianamente la metodologia in classe. In parallelo, sono stati formati 71 nuovi insegnanti e pedagoghi attraverso tre Basic HEART Trainings, una formazione di 4 giornate che ha permesso loro di familiarizzarsi con l’innovativa metodologia elaborata da Save the Children e sviluppare le prime attività artistiche nelle 18 scuole individuate a favore di 1’558 bambini (di età compresa tra i 6-15 anni); e 48 insegnanti, precedentemente formati nella Fase II, hanno partecipato a due Follow-up trainings. Tutti i partecipanti hanno ricevuto un HEART KIT, con i materiali necessari per l’organizzazione delle diverse attività artistiche in classe (musica, pittura, disegno, recitazione). Dal punto di vista istituzionale, il 14 maggio 2018 è stato firmato un Memorandum of Understanding con il Ministero dell’Istruzione Pubblica del Cantone di Una Sana. Questo accordo è finalizzato a monitorare e migliorare l’implementazione del programma HEART, ad estenderlo a tutte le scuole del cantone e a garantirne quindi la sostenibilità sul lungo termine.

Partner

Save the Children Italia Onlus riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana, Save the Children Italia Onlus opera in 122 paesi con programmi di salute, risposta alle emergenze, educazione e protezione dei bambini dagli abusi e dallo sfruttamento. È presente in Bosnia-Erzegovina dal 1991 dove opera attraverso interventi per l’educazione e la protezione dell’infanzia e, in coordinamento con il Ministero dell’Istruzione e con l’Istituto Pedagogico, lavora per garantire una scuola inclusiva e di qualità su tutto il territorio nazionale.

Save the Children Schweiz è stata fondata nel 2006 e da allora opera in Svizzera e a livello internazionale fornendo assistenza medica, aiuti alimentari, formazione e protezione ai bambini più vulnerabili e a rischio in 120 paesi del mondo.