Elaborazione e replicabilità di nuove metodologie, basate sull’arte, in contesti emergenziali e migratori

In linea con le nuove priorità strategiche di Alta Mane tese a incrementare la diffusione di Best Practices, nonché generare, a medio lungo-termine, un possibile impatto sistemico e ampliare le fasce di beneficiari nei contesti di emergenza migratoria, nel 2018 la Fondazione ha consolidato il sostegno a importanti organizzazioni internazionali che operano anche in contesti di emergenza umanitaria quali:

Save the Children Italia Onlus e Save the Children Schweiz – Programma HEART in Bosnia-Erzegovina (Fase III)

per la finalizzazione della Fase III del Programma HEART (Healing and Education through the Arts) in Bosnia-Erzegovina il cui obiettivo è l’istituzionalizzazione della metodologia HEART in tutto il paese e l’integrazione della stessa nei curricula scolastici nazionali.

Vai alla scheda di progetto–>

 

Fondation Terre des hommes (Lausanne) – You Create Project

 per la modellizzazione e implementazione, in Iraq e in Egitto, della nuova metodologia psicosociale, basata sull’arte, “You Create” volta a offrire un sostegno psicosociale ai bambini e giovani on the move, vittime di traumi, abusi e violenze.

Vai alla scheda di progetto–>

 

Rinnovi strategici & progetti integrati

La Fondazione, in parallelo, ha rinnovato il sostegno a due organizzazioni, già partner di AMG, che nel 2018 hanno focalizzato il loro intervento, in modo prioritario, nei contesti di crisi migratoria a favore di minori migranti e rifugiati, accompagnati e non, in Europa e in Svizzera, quali:

Musicians without Borders

per lo sviluppo del Welcome Notes Europe, un nuovo Training Curriculum che, attraverso il potere della musica, ha l’obiettivo di permettere ai minori non accompagnati di iniziare un percorso di resilienza post-traumatico.

Vai alla scheda di progetto–>

 

 

 

 

Save the Children Schweiz

per la modellizzazione e la diffusione della Creative Tool Kit and Activity Box, un elemento chiave del Programma Internazionale di Protezione dell’Infanzia, Child-and-Youth Friendly Spaces, che Save the Children implementa con successo in Svizzera dal 2016, per sostenere i bambini e i giovani, migranti e rifugiati, che sono accolti nei centri di accoglienza collettivi.

Vai alla scheda di progetto–>